Shop

collezione Mirò

La creatività di Joan Mirò l’ha spinto  a cercare forme sempre più essenziali, alla ricerca di una profonda semplificazione della realtà stessa. I colori acquistano un significato e partecipano alla resa grafica della materia, rafforzando l’impatto visivo.

collezione pollock

Colui che ha tolto la tela dal cavalletto, avendo di conseguenza moltiplicato i punti di osservazione e di intervento dell’artista.  L’opera non ha più alcun centro, ma si costituisce unicamente come trama. Quella di Pollock è stata una frattura estetica con ogni modello rappresentativo dell’arte.

Collezione Canaletto

Alla fine del 1600, a Venezia, nasce Giovanni Antonio Canal, detto Canaletto. Egli fu “pittor de vedute”, riproducendo realisticamente le vedute della sua città e i momenti di quotidianità degli abitanti di Venezia.

collezione brighella

A differenza di Arlecchino, Brighella è un “primo Zanni”, un servo astuto e opportunista, furbo e intrigante, malizioso e furfante, lascivo e crudele, ladro e insolente, e all’occasione ubriacone e assassino, egli non fa solo il servitore, ma un’infinità di altri mestieri, più o meno onesti e leciti e così si ritrova sempre in mezzo a svariati intrighi.

collezione mondrian

Il movimento Neoplasticismo, fondato da Piet Mondrian, deve il nome alla volontà di “esprimere le relazioni plasticamente attraverso opposizioni di colore e linea”, considerato il testo fondante del movimento. 

Goto de fornasa

Lo sapevi che...

Durante la peste del 1300, i “goti de fornasa” divennero uno strumento indispensabile per evitare il contagio in fornace. La loro facile distinguibilità permetteva ai maestri vetrai di riconoscere e utilizzare il loro bicchiere in ogni momento.

Iscriviti gratuitamente e ricevi subito: